Sintesi Modulare

Durante questo tutorial, utilizzeremo la suite Arturia V, la cui demo è scaricabile gratuitamente, con funzioni complete ma senza save/export, per 20 min prima di doverla riavviare.

Il sintetizzatore modulare è un sintetizzatore i cui elementi, le sezioni, non sono normalizzate. Questo vuol dire che, senza collegare i vari moduli non è possibile emettere alcun suono. I moduli da collegare seguono la definizione delle quattro sezioni del tutorial precedente:

Generatore di suono (Vco)

OSC driver

Quello rappresentato in figura è uno dei tre driver dell’Arturia modular V, emulazione del modello System 55 di Bob Moog. Il driver regola la frequenza e l’intonazione dei tre oscillatori ad esso legati, dalle quali è possibile ancora regolare ‘fine tuning’ e il ‘range’ d’ottava.

Ogni OUTPUT audio presente sotto la manopola selettiva del range, è una forma d’onda, nonché un canale audio. Cliccando e lasciando premuto il mouse dal buco sine del primo oscillatore, trascinandolo sul buco in alto del mixer, l’oscillatore invierà il suono al mixer.

Sotto la linea rossa, si trova il mixer, che dispone di un (AUDIO INPUT) sopra il knob del volume, di un (AUDIO OUTPUT) sotto a destra, e di un (MODULATION INPUT) sulla sinistra, per automatizzare o far gestire ad altri oscillatori o trigger la regolazione del volume di uscita.

Trascinando dal buco destro in basso del mixer il mouse verso l’ AUDIO INPUT del filtro, il segnale modulato dal mixer, prodotto dal Vco, finisce nel VCF

Filtro Vcf

Voltage Controlled FilterFilter

Subito dopo aver collegato le forme d’onda desiderate al mixer, ed il mixer all’(AUDIO INPUT) del filtro, il suono vero filtrato in frequenza e risonanza dal filtro, i cui parametri sono regolabili con i knobs freq e reso, oppure Modulati dai tre ingressi (MOD IN) rispettivamente: a sx quello della frequenza, a destra quello del reso, e centralmente quello che gestisce insieme freq e reso.

Amplificazione VCA

Voltage Controlled AmplifierVCA

Proseguendo nella catena a sezioni, il nostro suono è formato ed ha bisogno di essere solo amplificato per essere ascoltato. Qui entità in gioco la sezione VCA, l’amplificatore, che possiede un INPUT AUDIO per collegarsi all’AUDIO OUTPUT del filtro, ed un volume per gestire il segnale d’uscita del sintetizzatore, che, nel caso dell’arteria, finisce nelle casse (in versione standalone) o nella daw (in versione Audio unit/ Vst/Rtas).

Esso è composto da un controllo di apertura, chiusura e tenuta del segnale, controller di tempo. Esso è chiamato ADSR, e si trova nella parte alta del VCA, e ne regola volume d’attacco, quanto deve suonare il suono, in che modo deve scendere e in quanti secondi deve cessare.

Nella videolezione impareremo a creare un kick (grancassa) dalle timbriche simili alla Roland TR-808.

[URL]

Stefano Sgambati, Nablamusic.it

Questa è la patch utilizzata per la creazione del kick.

Patch 808

Copyright Nablamusic®


0 commenti su “Primi approcci sintesi Modulare”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Sound Design

Sperimentazione – Modular V

Ho deciso di aprire una sezione dedicata alle sperimentazioni sonore, in quanto sono ciò che più appassiona chiunque si dedichi al mondo della sintesi, ed in secondo luogo perchè è un ottimo modo di acquisire Leggi tutto&ellip;

Sound Design

Sintesi Modulare – Bassline

Bassline: approfondiamo l’argomento. Oggi parliamo di sintesi modulare sottrattiva, ed in particolare impareremo a creare un synth che riproduca i suoni corposi del basso. Ricordiamo, come sempre, che la sintesi del suono inizia con l’analisi, Leggi tutto&ellip;

Sound Design

Introduzione alla sintesi sonora.

Introduciamo il lettore  alla sintesi sonora. Il concetto di sintetizzatore è molto semplice. Ci sono quattro sezioni separate che, rispettivamente, generano, uniscono, effettano, amplificano il suono, per poi inviarlo nelle casse. Ogni sezione è contraddistinta Leggi tutto&ellip;